PaceItalia.org - Articoli

IL VECCHIO RAZZISMO E LA GLOBALIZZAZIONE ? e la vecchia xenofobia???

Incredibile credere che ancora oggi nel XXI secolo, esista ancora la "vecchia" forma di razzismo e xenofobia: odiare, discriminare o, peggio ancora, aggredire una persona perché è un "diverso".
Continuiamo a chiederci, perché???
Allora non abbiamo appreso nulla dall'insegnamento della Storia?

Sicuramente l'odierna immigrazione, che a dire il vero si subisce già da parecchi anni, non ha aiutato. Ma è anche vero che non si può addossare la colpa di tutto ciò al SINGOLO che scappa dal proprio Paese, per diversi motivi(ndr). Non è lui che crea problemi in Italia, ma le COMUNITA' STRANIERE che non la rispettano. Comprendiamo l'intolleranza verso parecchie ingiustizie e mancanze di rispetto, ma non giustifichiamo la violenza e l'odio; ad ogni modo solo le menti malate possono continuare ad odiare.
Oggi nell'epoca della globalizzazione moderna, non esistono solo i mali di essa, come l'"americanizzazione", ma anche i notevoli aspetti positivi: si viaggia di più e più spesso; si conoscono le altre culture, e quindi si apprezzano; è molto semplice spostarsi da una parte all'altra del mondo e quindi è più facile tornare sempre a casa; vi sono più iniziative di solidarietà e di volontariato internazionale, proprio perché tutti ci poniamo problemi che sono di tutta l'umanità, e sviluppiamo sempre maggiormente un tipo di coscienza "globale"; e siamo tutti aggiornati di ciò che succede nel mondo in modo istantaneo.
Concludendo, anche se la mancanza di rispetto delle leggi e del territorio italiano ha accentuato la xenofobia e il razzismo, la globalizzazione e il dialogo dall'altro canto, li dovrebbero eliminare del tutto nell'immediato futuro.


C'è bisogno sempre del più ampio consenso possibile tra tutti (italiani e stranieri). Solo dialogando e mettendosi in discussione, si potranno trovare i punti in comune.


Indietro